Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.

SAN DCA 552 13-12-2017

La Regione Lazio ha pubblicato sul BURL n. 103 supplemento 2 del 27/12/2017, il DCA 552 del 13 dicembre u.s. che ha introdotto una importante e sostanziale modifica nell’obbligo di inviare la dichiarazione  di permanenza del possesso dei requisiti minimi (ex art. 5 c.1 lett.a) L.R. 4/2003), di fatto modificando quanto precedentemente stabilito con la nota di Agosto 2017 e con i successivi chiarimenti, che esonerava espressamente dall’invio della suddetta dichiarazione, le strutture e gli studi professionali per i quali fosse ancora in corso l’iter amministrativo per il rilascio del provvedimento di conferma dell’autorizzazione all’esercizio.

Con il DCA 552 emanato nel dicembre u.s. invece, si afferma che “… anche le strutture e gli studi professionali iscritti in piattaforma SAASS da oltre 5 anni ed entro il 30/06/2013, che non abbiano ancora ottenuto la conferma autorizzativa sono tenuti a presentare la dichiarazione sostitutiva di atto notorio”.

 Le linee guida operative esplicative introdotte dal DCA 552 (Allegato A) hanno chiarito quali siano i soggetti tenuti all’invio della dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ovvero:

ü        Le strutture che hanno ottenuto la conferma dell’autorizzazione all’esercizio e il rilascio dell’accreditamento istituzionale definitivo da oltre cinque anni e fino al 30/06/2013

ü        Le strutture e gli studi professionali autorizzati all’esercizio da oltre cinque anni e fino al 30/06/2013

ü        Le strutture e gli studi professionali iscritti in piattaforma SAASS da oltre cinque anni ed entro il 30/06/2013, pur non essendo ancora in possesso di un titolo autorizzativo rilasciato dalla Regione Lazio.

 Il termine concesso dalla Regione Lazio per la presentazione della dichiarazione è di 60 giorni che decorrono dalla data di pubblicazione della nota, quindi la scadenza è entro e non oltre il 25 febbraio 2018.

 L’eventuale mancato invio della dichiarazione sarà oggetto di diffida e potrà essere sanzionato con l’avvio del procedimento di sospensione dell’autorizzazione o mancato rinnovo dell’accreditamento da parte della Regione Lazio.

 Potete prendere qui visione del testo completo del DCA 552 e scaricare il modulo della  Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio (allegato E) che dovrà essere utilizzato per la conferma autorizzativa e il rinnovo dell’accreditamento,       opportunamente modificato per le proprie esigenze e corredato da fotocopia non autenticata di un documento di riconoscimento, inviato esclusivamente a mezzo Pec all’indirizzo riportato nell’allegato E, specificando in oggetto: “Dichiarazione Sostitutiva Struttura Autorizzata e/o Accreditata e Nome Struttura”   

Viterbo, 6 febbraio 2018

                                                                                                                    Il Presidente CAO

                                                                                                                     Mauro Rocchetti

pdf SAN DCA 552 13 12 2017 (2) (4.67 MB)